Chiediamo alle società operanti di assumere le opportune misure perché la sicurezza dell’infrastruttura Aeroportuale palermitana e l’incolumità di lavoratori ed utenti è tema centrale e non più rinviabile.

Così Mimmo De Cosimo, Segretario regionale UGL Trasporto Aereo, intervenuto a seguito del crollo della Paratia di delimitazione del perimetro di delimitazione del cantiere dall’area imbarchi.

L’Ugl da anni con l’iniziativa #lavorarepervivere lanciata dal Segretario generale Paolo Capone -aggiunge – propone misure di contrasto e sensibilizza tutte le istituzioni pubbliche e private, a qualsiasi livello, allo scopo mantenere alto il livello di sicurezza nei luoghi di lavoro e prevenire con misure adeguate e regole certe per rimuovere ogni possibile danno.

L’evento naturale della scorsa notte, che ha fatto registrare il crollo della paratia di delimitazione del perimetro circoscritto dal cantiere nell’area imbarchi del terminal partenze, ha riproposto nella sua drammaticità il tema della sicurezza dell’aeroporto Falcone-Borsellino – prosegue – ed è solo un caso che non si siano registrati feriti o peggio ancora morti; causando comunque disagi ai passeggeri in transito verso altri scali, costretti in fila per essere riprotetti sin dalle prime ore del 31 marzo.

L’Ugl Trasporto Aereo auspica un incontro con la società aeroportuale Gesap ma anche con Gh, Aviapartner ed Enac – conclude De Cosimo – per definire misure più rigide e controlli serrati sulle strutture e le infrastrutture presenti nell’area aeroportuale per restituire serenità alle migliaia di utenti che transiteranno già dalle prossime ore e definire i criteri per rafforzare la presenza di nuovo personale, anche stagionale, da utilizzare per contrastare l’emergenza determinata dall’evento e migliorare la gestione complessiva dello scalo.